Linfodrenaggio: scopriamo i suoi benefici

 6 luglio 2022 | Articoli scientifici
Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram

Linfodrenaggio

Indicato per il miglioramento della “pelle a buccia d´arancia” e la riduzione della cellulite, il linfodrenaggio si rivela un´efficace terapia anche in campo riabilitativo per le patologie a carico del sistema linfatico.

Tale trattamento permette infatti di:

  • ridurre il gonfiore e favorire il defluire dei liquidi in eccesso,
  • agevolare il riassorbimento di edemi e linfedemi,
  • favorire l'ossigenazione cellulare,
  • contrastare la ritenzione idrica,
  • regolare il sistema neurovegetativo,
  • aiutare il processo di cicatrizzazione di piaghe e ulcere nei diabetici.

Linfodrenaggio: cos´è e come viene effettuato?

Si tratta di una particolare tecnica manuale che favorisce la naturale circolazione della linfa all´interno del nostro corpo e che permette l´eliminazione delle varie tossine accumulate.
Il trattamento consiste in un massaggio dolce e a ritmo lento che, attraverso un delicato movimento di pressione sulla cute, svolge un´azione meccanica sulle aree del sistema linfatico quali vasi e capillari linfatici, linfonodi, milza e timo.
Il linfodrenaggio segue il percorso del flusso linfatico e viene effettuato senza l´uso di creme e olii per una durata di circa 30 minuti. È un trattamento che non deve provocare dolore né arrossamenti, ma stimolare delicatamente la circolazione linfatica.

Sistema linfatico cos´è e come funziona?

È un complesso sistema costituito dai vasi linfatici e dagli organi linfonodali che permette il trasporto e la raccolta della linfa dalla periferia fino agli organi di depurazione quali linfonodi, fegato, reni e polmoni. Composta perlopiù da acqua, sali, linfociti e proteine, la linfa scorre nel sistema linfatico compiendo un percorso intervallato da alcune zone di sosta, dette “gangli linfatici”, in cui elimina i residui tossici e continua la sua circolazione fra i vari tessuti.
A differenza del sangue, la linfa non viene spinta dall'attività cardiaca, ma scorre nei vasi mossa dall'azione dei muscoli, seguendo i ritmi di contrazione e rilassamento. Se, per vari motivi, questo processo viene alterato, la linfa tende a ristagnare, accumulandosi nei tessuti.

Il linfodrenaggio agisce proprio su questo processo di circolazione, migliorando il funzionamento del sistema linfatico e riducendo i liquidi in eccesso.

Linfodrenaggio: quando e dove effettuarlo?

Noto soprattutto per i suoi benefici estetici, il linfodrenaggio si dimostra estremamente efficace anche come trattamento terapeutico per i casi di linfedema primario (di tipo congenito) e secondario (come conseguenza di traumi e/o interventi chirurgici). Il linfedema è infatti una patologia cronica a carattere evolutivo, caratterizzata da un rallentamento o da un blocco della circolazione linfatica che si può presentare nell´arto superiore e/o inferiore.
Il massaggio linfodrenante in questo caso viene effettuato ciclicamente e, a seconda della gravità del linfedema, permette di riacquistare un rinnovato benessere grazie al miglioramento della circolazione linfatica e sanguigna.
  • Gambe
Gli arti inferiori rappresentano la sede in cui più frequentemente è possibile che si verifichi il ristagno linfatico, con la tipica manifestazione di gonfiore alle gambe e alle caviglie, e la conseguente percezione di pesantezza ed eventuale dolore.
In quest´area si può presentare inoltre la classica “pelle a buccia d´arancia” che il linfodrenaggio permette di ridurre, migliorando il tono e l´elasticità del tessuto cutaneo.
  • Braccia

Il linfodrenaggio agli arti superiori viene spesso effettuato in quelle persone che hanno subìto
l´asportazione dei linfonodi ascellari a seguito di un tumore alla mammella, oppure in coloro che presentano problematiche di circolazione linfatica per gli effetti della radioterapia.

  • Addome e viso
Nel trattamento dell´addome e del viso, il linfodrenaggio può essere effettuato per un risultato puramente estetico, permettendo una migliore elasticità cutanea e la riduzione delle borse sul viso, oppure può essere indicato nei casi di:
  • sinusite cronica frontale e mascellare,
  • rinite cronica,
  • otite cronica.

Per quanto riguarda le problematiche intestinali, il linfodrenaggio permette di favorire la peristalsi e la distensione dei muscoli della parete addominale, rivelandosi particolarmente efficace per:

  • stipsi cronica,
  • colite spastica.

Linfodrenaggio: benefici

L´azione meccanica svolta dal linfodrenaggio ha il principale effetto di stimolare la circolazione linfatica, per questo i suoi principali benefici sono:

  • drenaggio dei liquidi che ristagnano nei tessuti all´interno degli spazi interstiziale, ossia tra una cellula e l´altra;
  • tonificazione della muscolatura liscia;
  • stimolazione del sistema nervoso autonomo;
  • azione analgesica perché agisce anche sui nocicettori, ossia sui recettori responsabili della percezione del dolore.
Quando associato a uno stile di vita sano e naturale, il linfodrenaggio è un valido alleato per eliminare gli accumuli di liquidi e per contrastare la cellulite, soprattutto quando questa è in fase iniziale e si presenta edematosa e molle. Questa tecnica manuale viene inoltre effettuata anche in associazione ad altri trattamenti, come per esempio la Mesoterapia, per migliorare ulteriormente i risultati estetici nella riduzione della cellulite.

Controindicazioni

Nonostante i numerosi benefici questo trattamento è sconsigliato in alcuni casi particolari quali:

  • presenza di infiammazioni croniche;
  • presenza di disturbi funzionali delle ghiandole tiroidee;
  • gravidanza, limitatamente ai primi 3 mesi.
Nel periodo successivo può invece essere molto utile per migliorare la circolazione sanguigna e linfatica, riducendo così gli eventuali edemi che interessano generalmente gambe e caviglie, e migliorare quindi l´ossigenazione dei tessuti.

Per tale motivo, soprattutto in presenza di patologie o condizioni particolari è consigliabile rivolgersi ai professionisti in Fisioterapia che possano fare un´attenta valutazione della specifica situazione e verificare se e come procedere con il trattamento del linfodrenaggio in sicurezza.


Se hai bisogno di un appuntamento contatta il centro al numero 079 270753

Autore(i)

Dott.ssa Rita Pala
Dott.ssa Rita Pala
SPECIALISTI IN FISIOTERAPIA

Blog