La rieducazione posturale Mézières | Il Blog di Medìs | Medìs Centro Clinico

E se il corpo si comportasse come una marionetta? Scopriamo la rieducazione posturale Mézières

 8 settembre 2021 | Articoli scientifici
Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram

E se il corpo si comportasse come una marionetta? Scopriamo la rieducazione posturale Mézières

“Spesso la causa del problema è distante da dove si manifesta”.

Pensiamo a come si possa modificare la postura se si cammina con un sassolino nella scarpa. Così, anche una piccola lesione al piede può essere causa di adattamenti posturali per permettere al fisico di continuare a svolgere le sue normali attività durante la camminata. Questi adattamenti, detti “compensazioni”, sono però spesso la causa di problematiche dolorose in altri distretti corporei.

Françoise Mézières, a partire dal 1947, rivoluziona il mondo della fisioterapia evidenziando la necessità di ripensare il corpo nella sua globalità, come un sistema in cui i vari distretti si influenzano reciprocamente.

Il corpo come una marionetta

Dall´esperienza di studi e analisi posturale dei propri pazienti, la fisioterapista francese Mésières, comprende che i muscoli dorsali si comportano come un unico grande muscolo, troppo forte e troppo corto, per cui qualunque movimento, non solo della colonna vertebrale, ma anche di gambe e braccia, comporta un accorciamento dell´insieme della muscolatura. Proprio come una marionetta, la cui cordicella troppo corta tira continuamente il capo, il torace e gli arti.

Catene muscolari

Grazie allo studio minuzioso dell´anatomia e della cinesiologia (branca della medicina che studia le attività muscolari dell'uomo), Mésières arriva a sostenere che, così come le tegole di un tetto, anche ogni muscolo del corpo è collegato all´altro e sovrapposto a creare le catene muscolari.

In particolare Mézières individua:

  • Catena posteriore
  • Catena antero-interiore
  • Catena brachiale anteriore

  • Catena anteriore del collo

Tra le quattro catene vi sono dei punti di unione, per cui la retrazione muscolare di una catena si ripercuote anche sull´altra.

Cos´è il metodo Mésières?

È una particolare tecnica di rieducazione posturale che ha come obiettivo quello di ripristinare la simmetria delle varie parti del corpo e riportare i muscoli, soggetti a continui accorciamenti causati da posizioni errate, sforzi fisici, o altre problematiche di varia natura, alla loro lunghezza originaria. Catene muscolari allungate e postura corretta permettono, infatti, una migliore funzionalità e fluidità nei movimenti, e si rivelano fondamentali nella risoluzione delle sintomatologie dolorose.

Per cosa è indicato il Metodo Mézières?

È particolarmente indicato per normalizzare problematiche osteo-muscolo-articolari tra le quali:

  • sintomatologie dolorose vertebrali croniche o acute (mal di schiena, dorsalgie, lombalgie, cervicalgie)
  • alterazioni morfologiche nell´adulto e nel bambino (iperlordosi, ipercifosi, scoliosi, ginocchio varo-valgo, piede piatto-cavo)
  • perdita di elasticità muscolare, contratture localizzate agli arti superiori e/o inferiori
  • dolori alle articolazioni
  • conseguenze sul piano posturale di traumi.

È importante specificare che ogni caso è unico, pertanto, per intraprendere un percorso di rieducazione posturale Mésières è necessaria la guida esperta del fisioterapista, dopo l´attenta analisi della situazione clinica e posturale pregressa.

Benefici del Metodo Mézières

Trattandosi di un percorso di rieducazione posturale, con il passare del tempo il beneficio sarà sempre più stabile e duraturo, in quanto le catene muscolari saranno sempre più allungate e i compensi sempre più ridotti. Questo porta miglioramenti dal punto di vista posturale e una migliore funzionalità nei movimenti. Alcune persone percepiscono i benefici sin dalle prime sedute, provando una sensazione di leggerezza, benessere, rilassamento, oltre all´attenuazione o addirittura la scomparsa dei dolori.

Come si svolge una seduta di Mézières?

Il trattamento Mésières inizia dal lavoro di grande precisione e osservazione rigorosa da parte del fisioterapista che ricerca le compensazioni e i disequilibri posturali, spesso con l´ausilio della fotografia, che consente di comparare i dettagli e le posture del paziente, anche a distanza di mesi o anni. È sempre di fondamentale importanza il colloquio con il paziente per apprendere la sua storia clinica e i problemi che riferisce.

Si procede, quindi, a creare un percorso in cui la persona è parte attiva e, sotto la guida del fisioterapista, esegue posizioni specifiche, da mantenere per un determinato periodo di tempo, volte ad allungare la muscolatura.

Fondamentale è che ogni posizione sia accompagnata da un preciso lavoro di respirazione. Infatti, soprattutto in presenza di sintomatologie dolorose, il diaframma tende a bloccarsi nella fase di inspirazione, causando la chiusura del torace, e la curvatura di dorso, capo e spalle. Per contrastare questo, ci si concentra, quindi, sulla fase dell´espirazione in cui il diaframma si rilascia e permette di liberare la muscolatura troppo contratta.

Quanto dura una seduta?

La singola seduta dura circa un´ora ed è consigliata una volta a settimana. Il numero di sedute necessarie viene, invece, valutato dal fisioterapista in base alla specifica situazione e a seconda di come ogni persona, in base alle proprie condizioni, risponde al trattamento.

Controindicazioni Metodo Mézières

Il metodo Mésières è sconsigliato in caso di:

  • Miopatie (congenite es. distrofie muscolari)
  • Mancanza di partecipazione (scarsa motivazione) da parte del paziente
  • Stati infettivi e infiammatori acuti (patologie o sindromi)

  • Primi 3 / 4 mesi di gravidanza
  • Abbassamento delle difese immunitarie (immunodeficienza, chemioterapia).



*Le immagini sono state eseguite con persone vaccinate e con esito negativo al tampone antigenico per Covid-19.


Se hai bisogno di un appuntamento contatta il centro al numero 079 270753

Autore(i)

Dott.ssa Rita Pala
Dott.ssa Rita Pala
SPECIALISTI IN FISIOTERAPIA

Specializzazioni

Riabilitazione

Blog